TERRITORIO

STORIA

PERCORSI

VISITE GUIDATE

INFO

CONTATTI

Una storia complessa, con radici antichissime

e con il segno profondo delle vicende della Grande Guerra.

1914

1915

1916

1917

1918

LE TRINCEE

LE CAVITÀ

Linea di trincea del fronte austro-ungarico

Durante le Battaglie dell'Isonzo della prima guerra mondiale, l’area di studio fu baluardo inespugnabile per l'esercito austro-ungarico a difesa di Trieste. La linea di sbarramento Ermada - Castagnevizza si può considerare come la più forte barriera nel settore meridionale dell’altipiano e in quello a mare. Aveva uno sviluppo di oltre 5 km ed era costituita da una trincea con scavo profondo, accompagnata da una linea dei 100 metri quasi ininterrotta. Sul monte Ermada le truppe italiane non arrivarono mai. Da qui durante la dodicesima offensiva, le truppe austriache partirono nell’autunno del 1917 determinando la famosa ritirata dell’esercito italiano (Disfatta di Caporetto).

Le tracce del fronte comprendono, oltre alle trincee, resti di oltre 200 cavità (caverne di ricovero, caverne attrezzate, “tane di volpe”, ospedali), postazioni di vedetta, accampamenti nelle doline, lapidi commemorative.

LA TENUTA DEI PRINCIPI DI THURN UND TAXIS

Borgo abbandonato “Case Kohisce”ex tenuta agricola dei Principi della Torre e Tasso, costruita nel XVIII sec.

L’esistenza di un nucleo agricolo alle pendici del monte Cocco è documentata fin dal 1600; era abitato da una famiglia rurale da cui probabilmente trae origine il nome di Case Kohisce. Alla fine del 1700 i coloni delle case passano alle dipendenze dei principi di Duino. I coloni avevano il compito di curare le coltivazioni a breve distanza dalla fattoria, anche queste di proprietà dei principi.

Il complesso agricolo è mappato nel 1818 nel catasto Franceschino che descrive gli edifici e le relative strade di collegamento. Si trattava di un agglomerato a corte, recintato da un muro a secco in pietra, con abitazioni, stalla, fienile, cisterna, porcilaia e annessi rurali. Le strade che attraversavano il borgo conducevano verso Medeazza, Malchina e Duino. Il borgo è abitato fino al 1964, poi viene abbandonato e rimane inattivo fino ad oggi. Il nuovo progetto di sviluppo agricolo della Società Agricola Kohisce mira al recupero e alla rivitalizzazione di questo storico borgo e delle aree circostanti.

I CASTELLIERI

Castelliere di MONTE ERMADA

Castelliere di Monte GABRNJAK

Costruzioni di epoca protostorica erette attorno alle sommità collinari. Erano utilizzati come villaggi murati o postazioni di controllo del territorio. La maggior concentrazione archeologica e paleontologica di tutto l'altipiano carsico si trova proprio nella zona costiera tra Duino ed Aurisina e nel suo entroterra: gli insediamenti umani erano evidentemente favoriti dall'accesso al mare di Sistiana e del Timavo.